CENTO (FE) IL SINDACO TOSELLI TRACCIA UN BILANCIO POST PIENA MA, ALL’ORRIZZONTE SI PROSPETTA UNA NUOVA MINACCIA !

IL SINDACO DI CENTO FABRIZIO TOSELLI IN COMPAGNIA DEL ASSESSORE ANTONIO LABIANCO 24 H24 A DISPOSIZIONE DELL’EMERGENZA IDRICA

CENTO (FE) 18/11/19 . ( DI MARCO RABBON)  IL SINDACO TOSELLI TRACCIA UN BILANCIO POST PIENA MA, ALL’ORRIZZONTE SI PROSPETTA UNA NUOVA MINACCIA ! Con il passaggio del colmo della piena, e la successiva riapertura di Ponte Vecchio alle 22 di domenica sera, e con la progressiva diminuzione delle quote, fino a scendere lunedì mattina sotto la soglia 2 del livello di vigilanza, il territorio centese ha superato la fase di criticità idraulica legata al maltempo dei giorni scorsi.«Possiamo parlare di un bilancio tutto sommato positivo – rimarca il sindaco Fabrizio Toselli -, poiché la comunità non ha patito disagi, se non la chiusura del Ponte Vecchio per circa quattro ore: è da subito stata valutata e percorsa la possibilità della riapertura quanto prima, e in piena sicurezza, soprattutto per non creare difficoltà a lavoratori e studenti pendolari. Credo di poter affermare che la risposta della macchina sia stata nel complesso efficace. E per questo ringrazio tutti quelli che, a vario titolo, hanno fornito il loro apporto».Un solo neo, che il primo cittadino aveva già riferito nel corso del convegno pluricomunale su “Sicurezza Idraulica del fiume Reno e del territorio di pianura” a Pieve di Cento.«È fondamentale che, soprattutto nelle emergenze, vi sia un coordinamento, per evitare che informazioni e provvedimenti diversi generino allarmismo. Le comunicazioni e gli atti, anche nel caso di appartenenza a province diverse, dovrebbe essere univoci per evitare confusione ed essere assunti dopo un’analisi condivisa e oggettiva, condotta a sangue freddo. Come ci ha insegnato il terremoto, sono fondamentali obiettività e il maggior coordinamento possibile, per non creare uno stato di allarme tale da non aiutare la gestione della situazione».In tema di allarmismo, Toselli stigmatizza anche le strumentalizzazioni a scopo politico. «Nell’emergenza è necessario agire tutti con estremo buonsenso – spiega -. Non è positivo per nessuno che, per fare valere una posizione, si faccia leva sulle paure delle persone».Per quanto riguarda la criticità idraulica, l’allerta rossa è stata prolungata alle 00.00 del 20 novembre, per la ripresa di precipitazioni diffuse.«Il Coc continua a essere attivo, il monitoraggio costante e l’attenzione massima. Benché sia passato il colmo della piena sappiamo di non dover abbassare la guardia».In merito invece alle forti piogge fra sabato notte e domenica mattina il sindaco ha richiesto a Hera e Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara di eseguire un controllo un controllo per verificare eventuali ripercussioni, e conseguenti interventi, nei territorio in cui si sono registrati ristagni di acqua.

Condividi questo articolo

Post Comment